Bookrave – Siamo Radici


Bookrave – Siamo Radici

Il 15 marzo è iniziata la seconda edizione di BookRave e la nostra libreria è fra quelle che ospitano questo favoloso progetto! 

Che cos’è BookRave?

E’ l’iniziativa di otto case editrici indipendenti che propongono un  libro attorno a un tema. Per questo secondo Bookrave il tema scelto è “Radici”. 

Le case editrici coinvolte sono: Edizioni Sur, Iperboreaeffequ, Nottetempo, Minimum Fax, NN Editore, Il Saggiatore, Quinto Quarto.

Le iniziative che vi proponiamo attorno a questo argomento sono: 

Gruppo di lettura

Mercoledì 29 maggio ore 18:30 si terrà l’incontro del nostro  Gruppo di lettura dedicato a questa edizione di Bookrave.

Proponiamo la lettura di uno o più libri (anche tutti e otto, non siate timidi!) e successivamente ne discuteremo insieme. 

Sarà un incontro ricco di spunti e all’insegna dello scambio di idee. 

Se vi va di partecipare, vi chiediamo di iscrivervi (è fondamentale per gestire al meglio gli spazi) e di acquistare il libro prescelto (o i libri prescelti) presso la nostra libreria. Per chi deciderà di partecipare non mancheranno i favolosi gadget firmati Bookrave!

Salotto letterario

Domenica 9 giugno alle ore 17:00 si terrà l’incontro del salotto letterario, “Parole, parole, parole”, dedicato al tema Siamo radici e incentrato intorno ai libri del Bookrave che faranno da cornice alla nostra discussione. 

 

Siete curiosi di sapere quali sono gli otto libri del Bookrave? Eccoli qui!  

OCTAVIA E. BUTLER, “LEGAMI DI SANGUE”, edizioni SUR 

Un romanzo che rielabora il tema fantastico del viaggio nel tempo e che attinge alla letteratura ottocentesca dei racconti di schiavi, descrive con sensibilità estremamente moderna un fenomeno che affonda le proprie radici nel passato delle nostre coscienze. Un libro imperdibile e che è entrato di diritto tra i classici della letteratura americana della seconda metà del 900.

MALACHY TALLACK, “IL GRANDE NORD”, Iperborea editore

Il protagonista di questo diario decide di percorrere un viaggio intorno al mondo mantenendosi però sulla rotta costante del sessantesimo parallelo Nord. Parte dalle Shetland e via via compie un percorso che lo porterà a entrare in contatto con realtà per certi versi simili alla sua ma anche diametralmente differenti. Il Nord, terra di miti solenni e tragici e di una immaginata sconfinata purezza è per chi lo abita semplicemente casa. 

SIMONE LISI, “PADRE OCCIDENTALE”, Effequ edizioni

Attraverso una strampalato viaggio in motorino Silvio prova a mettere ordine nella sua vita nella quale tutto sembra sfuggirgli, il suo ruolo di fidanzato, di figlio, di scrittore. Un libro autoironico che fa della ricerca delle proprie radici un viaggio che appare inizialmente lunghissimo ma che forse è solo qualche isolato più in là. 

ALESSANDRO GAZZOLI, “ESTRANEI. UN ANNO IN UNA SCUOLA PER STRANIERI”, Nottetempo edizioni

Questo libro racconta la cronaca dell’esperienza che l’autore stesso ha vissuto trovandosi – più per forza che per amore- a insegnare in un Centro per l’Educazione degli Adulti frequentato nella sua totalità da stranieri. Un libro che ci porta dentro “le vite degli altri” quando smettono di essere estranei a chi li guarda. 

CHRIS OFFUTT, “A CASA E RITORNO”, Minimum fax editore 

Il protagonista di questa raccolta di racconti di Offutt è certamente la sua terra, il Kentucky. I personaggi che si muovono e si raccontano in queste storie vivono la loro terra di foreste e colline portatrice di temi quali l’impossibilità di andarsene davvero, di lasciare casa, il peso dei ricordi, l’attrazione irresistibile per quelle terre “di nessuno”, ingrate e crudeli, che sono radicate nel profondo della loro anima. 

KHASHAYAR J. KHABUSHANI, “SALUTERÒ DI NUOVO IL SOLE”, NNEditore

Il protagonista di questo romanzo, K. vive la sua infanzia negli States ben sicuro di quello che vuole diventare, un vero American boy. Le sue prospettive si interrompono improvvisamente e brutalmente quando il padre decide di portare K e i suoi fratelli in Iran, di fatto rapendoli. Tra le mille contraddizioni del paese di origine K scopre quale vuole che sia il suo destino e la sua storia, che prospettive lo aspettano al ritorno in un’America che vive il suo 11 settembre e che vede in maniera diversa tutti coloro che hanno tratti arabi.

KIM DE L’HORIZON, “PERCHÈ SONO DA SEMPRE UN CORSO D’ACQUA”, Il Saggiatore

Questo romanzo non somiglia a nessun altro, è il racconto delle intere nostre esistenze. Spinto dalla nonna che si ammala di Alzhaimer, Kim decide di ricostruire il suo albero genealogico. Attraverso questo studio scopre le vicende delle sue antenate comprendendo che la sua voce non è sufficiente a narrare quanto sembra inenarrabile; comprende la necessità di una nuova lingua, una lingua ma(d)re.  

CHOI DOEK-KYU, “LE GRANDI MANI DI MIO PADRE”, Quinto Quarto 

Questo delicato e toccante silent book fa rivivere, ponendo il focus sulle mani, i momenti della vita di ognuno di noi, da quando le mani si prendevano cura di noi a quando le stesse mani hanno bisogno di essere accudite. Profondo e commovente. 

C'è 1 comment

Add yours